Vivere Per Raccontarla

#VENEZUELA

2003 si parte: Destinazione Venezuela!

2003 si parte! Destinazione Venezuela, emozioni per una nuova avventura, voglia di cambiare!

Vedi la costa dall’aereo, arrivi a Maiquetia, si aprono le porte e l’afa ti assale, capisci che sei arrivato davvero: Caraibi!

Taxi, macchine vecchie e gente sui cassoni, autobús coloratissimi e pieni zeppi fino alle porte. Vendono di tutto per strada, musica alta e sguardo differente.

Capirai solo più in là che è la mentalità ad essere differente.
Si vive più alla giornata, si approfitta e gode il momento!

Tutta questa confusione ti assale, ti infastidisce, a volte ti spaventa fino a quando non ti entra dentro e la fai tua.
E poi…ti mancherá.

Passano veloci gli anni, il Paese ti avvolge, trasforma il tuo modo di vedere le cose, ti sta rapendo poco a poco.
Saprai solo dopo che non ha nulla a che fare con i famosi Secuestro Express, ormai ti ha segnato dentro.

Chavevez vive!
Socialismo del siglo XXI!

Non funziona, (lo capisci subito).
Tante parole, pochi i fatti e le cose continuano a peggiorare.
La gente comincia a perdere tutto poco a poco: diritti, potere d’ acquisto, figli, madri, zii, amici e presto la violenza inizia ad opprimere.

Tutto peggiora, poco a poco sotto i tuoi occhi.

Sei impotente, sono impotenti tutti.
Molti credono nelle promesse che bombardano i cervelli a tutte le ore, intere maratone televisive dove si pittura un mondo colorato e inesistente, mentre la verità comincia ad essere in bianco e nero…

Chavez muore!
É finita?

NO. Lascia il supposto erede.
Ordina che sia lui il suo successore e i tanti anni di bombardamenti psicologici prendono il sopravvento sulla realtà.

Il bianco e nero ha sempre il suo fascino ma le cose stanno diventando grigie, sempre più sfuocate.

Che abbiano inizio i giochi!
Cerca latte, zucchero, pomodoro nei negozi.
Vorresti la pasta, l’olio o una semplice insalata…

Senti le notizie, ti guardi intorno e capisci che succede di tutto, puoi perdere la vita per quelle ciabatte che usi al mare, per un orologio, per qualsiasi cosa. Sì perchè qualsiasi cosa, quando non si trova più facilmente nei negozi, aumenta il suo valore incommensurabilmente.

Tutta questa confusione ti assale, ti infastidisce, a volte ti spaventa fino a quando non ti entra dentro e la fai tua.
E poi: ti mancherá.

Pensi alla famiglia, hai paura. Cerchi altre possibilità e te ne vai.

Emozioni per una nuova avventura, voglia di cambiare!

Dopo un mese, finisce l’emozione, la novitá, cominci a sentire strane emozioni, ricordi e paragoni…filtri e prendi solo il positivo.

Ti manca!

Troppo!

Ma se andava tutto male, se le cose facili erano impossibili di cosa ti lamenti?

Non lo so…anzi sì:

Tutta questa confusione ti assale, ti infastidisce, a volte ti spaventa fino a quando non ti entra dentro e la fai tua.
E poi: ti mancherá!

DM

Francesca Guatteri

L'autore

Francesca Guatteri