Vivere Per Raccontarla

#Beauty & Health #Innovation & Design

1, 2, 3 Respira : il progetto di Liquigas per le scuole

L’aria che respiriamo è importante.

Scegliamo Liquigas e le energie pulite per riscaldare le nostre case

1, 2, 3 Respira…

Quante volte ce lo siamo detti in un momento di ansia, rabbia, stanchezza?

Io, a essere sincera, lo faccio spessissimo.

Liquigas ci ricorda quanto sia importante respirare (bene).

Liquigas risolleva le sorti di questa sorta di mantra che spesso ripetiamo con leggerezza, e ci riporta a quello che è il suo significato vero: l’importanza del respiro.

Respirare è una cosa che facciamo automaticamente, senza bisogno di pensarci, ma sarebbe invece utile riflettere su quale sia la qualità effettiva dell’aria che respiriamo.

I bilanci recenti

Il 2018 è stato un anno particolarmente negativo se consideriamo la qualità dell’aria che abbiamo inalato.

In 55 capoluoghi di provincia (sì, 55!) i limiti giornalieri previsti per le quantità di polveri sottili sono stati superati innumerevoli volte.

A rischiare di più sono i bambini

E’ noto a tutti che l’aria inquinata porta a gravi effetti sulla salute, ma pochi riflettono sul fatto che sono soprattutto i bambini a essere maggiormente esposti, rischiando infezioni respiratorie o malattie legate alla cattiva qualità di un elemento di cui non si può fare a meno.

Io abito a Milano con la mia famiglia e va da sé che ho a cuore la salute dei miei cari.

Insegnare alle nuove generazioni una quotidianità sostenibile

Proprio per questo, da anni, cerco di fare tutto quello che posso per gestire una quotidianità sostenibile, insegnando alle mie figlie che piccolissimi sforzi ripetuti ogni giorno (spegnere sempre la luce uscendo da una stanza, non sprecare l’acqua, fare la raccolta differenziata in modo corretto, mangiare frutta e verdura di stagione senza chiedere le fragole a Natale o i carciofi a luglio…) possono diventare routine sane, utili a migliorare il mondo in cui viviamo e che è l’unico che abbiamo.

Le nostre soluzioni ecologiche

Al lavandino della cucina abbiamo fatto applicare un sistema filtrante, in modo da ridurre ulteriormente il consumo della plastica, per le finestre abbiamo scelto infissi che potessero garantirci un adeguato isolamento termico.

Abbiamo sostituito la macchina del caffè a cialde con quella di una volta, se fosse per noi vorremmo i pannelli fotovoltaici in balcone e ci stiamo attrezzando anche per prendere un’automobile elettrica.

Non vi nascondo, però, che ho sempre sognato di avere una bella casa in campagna.

Sono piena di controsensi, me ne rendo conto, ma mi piacerebbe poter far coesistere infinite distese di pannelli fotovoltaici e, allo stesso tempo, un caminetto da accendere in inverno.

L’atmosfera che crea un camino scoppiettante è unica…eppure, pur essendo magico, rende l’aria poco salubre, perché gli effetti della combustione non tardano a farsi sentire e, in brevissimo tempo, in un ambiente domestico si fa fatica a respirare.

Rivolgersi alle energie “pulite”

Tanto i miei sono solo sogni e, poi, ve lo prometto, semmai dovessimo riuscire ad avere la nostra tanto sognata casa di campagna, ci limiteremo ai pannelli solari e ci rivolgeremo a energie pulite per il riscaldamento, come il GPL.

Magari il caminetto potremo averlo finto, perché alla fine è bello anche da spento 🙂

Insomma, ce la stiamo mettendo tutta per limitare i danni e per insegnare alle nostre bimbe a fare lo stesso.

Liquigas: perché scegliere GPL e GNL

E non siamo soli, perché per fortuna anche molte scuole si stanno impegnando a trasmettere tematiche ambientali importanti ai nostri figli, accogliendo progetti e percorsi come ad esempio quello di Liquigas.

Liquigas è una società leader in Italia riguardo la distribuzione di GPL (Gas di petrolio liquefatto) e GNL (Gas naturale liquefatto) per usi domestici, commerciali e industriali.

Liquigas: più attenzione alle tematiche ambientali

L’attenzione particolare che Liquigas dedica da tempo alle tematiche ambientali, è sfociata da qualche mese nella proposta di un percorso basato sull’educazione ambientale, il cui nome è proprio 1,2,3… RESPIRA!”

1, 2, 3 RESPIRA! parla a circa 25.000 studenti

Questo progetto, particolarmente dinamico e formativo legato all’ecologia, coinvolge circa 25.000 ragazzi delle classi della scuola secondaria di primo grado.

Sono ben 300 le scuole incluse in questo programma interattivo e tecnologico e sono distribuite in diverse regioni (Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta, Liguria, Veneto, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna).

L’iniziativa è pensata da Liquigas soprattutto per informare gli studenti, insieme ai loro genitori e insegnanti.

D’altronde un ragazzo trascorre quasi più tempo a scuola che a casa ed è proprio lì che assorbe nozioni e concetti che spesso riporta a casa, agli altri componenti della famiglia, magari in occasione di cene e pranzi in famiglia.

Sviluppo sostenibile

temi trattati sono quelli specifici dello sviluppo sostenibile e sono volti a spiegare quale sia il legame inevitabile che esiste tra la qualità dell’aria e le diverse forme di energia, con un particolare riferimento a quali sono quelle disponibili nei luoghi in cui viviamo e a come vengono utilizzate.

Di fatto è un percorso che fornisce anche una prima formazione riguardante una tematica di importanza fondamentale, coadiuvata da materiali didattici che l’azienda stessa fornisce alle scuole.

Il contest

Alla fine di questo percorso, i ragazzi diventeranno i protagonisti di un contest nel quale verranno presentate idee e proposte concrete in riferimento alla tematica del programma.

I progetti presentati verranno valutati da una giuria che terrà conto dell’aderenza ai contenuti, alla creatività espressa e all’abilità di collegare più materie favorendo l’interdisciplinarità.

I premi in palio sono stati pensati per essere migliorare la dotazione tecnica e tecnologica degli istituti coinvolti nell’iniziativa.

Gli studenti di oggi: i cittadini consapevoli di domani

Andrea Arzà, Amministratore Delegato di Liquigas, spiega la perfetta coerenza del progetto con la mission dell’azienda e dice:

Con il progetto scuola 1,2,3… RESPIRA!” intendiamo fornire agli studenti delle scuole medie, che saranno i cittadini consapevoli di domani, gli strumenti informativi necessari ad adottare corretti comportamenti per difendere l’ambiente e la qualità dell’aria.

Da sempre Liquigas si impegna al fianco delle comunità in cui opera, promuovendo fonti energetiche pulite e assicurando l’approvvigionamento energetico alle zone remote del nostro Paese.

Siamo quindi orgogliosi di questo nuovo progetto che ha al proprio cuore l’educazione delle nuove generazioni su aspetti di fondamentale importanza per il loro futuro”.

 

Post scritto in collaborazione con Liquigas

 

 

Ti è piaciuto questo post? Spero di sì!

Eccotene qualcun altro:

La mia Milano: tour della città nei miei posti del cuore 

YOLT: l’app intelligente che ci semplifica la vita

HOUZZ: l’articolo pubblicato sulla nostra cucina

Francesca Guatteri

L'autore

Francesca Guatteri