Zuppa di Barbabietola, caprino e chips di cavolo nero

di Francesca
0 commento

Ed eccoci a ottobre.

Se fino a qualche tempo fa l’autunno per me rappresentava la soglia d’ingresso per il periodo dell’anno più lungo e cupo in assoluto, crescendo -diciamo così…- ho iniziato invece ad apprezzare quelli che sono i lati affascinanti e deliziosi di questa stagione.

Forse è una conseguenza del fatto che ottobre inizia con il compleanno di Giulia e Vittoria, e che quindi la mia attenzione si rivolge immediatamente alla famiglia, alla casa e alle atmosfere calde e serene che sono linfa vitale per il mio umore.

In questo periodo mi torna anche la voglia di cucinare.

Ovviamente il tempo a disposizione non è mai tanto, quindi, anche in cucina, mi piace e ho bisogno di poter contare su strumenti che mi rendano rapidi i vari passaggi, facilitando operazioni semplici ma che altrimenti mi rallenterebbero.

Microplane® : un prezioso alleato in cucina

Microplane®, marchio dell’Arkansas che produce utensili da cucina tra i più maneggevoli, affilati e durevoli al mondo, è la scelta migliore per me e per le mie necessità in cucina.

L’altra sera, presa da un’improvvisa voglia di un comfort food, ho preparato una zuppa di barbabietola con caprino e chips di cavolo nero.

Se c’è un aspetto del cibo che amo in particolare, è il colore meraviglioso che alcuni alimenti riescono a sfoggiare anche in piatti decisamente semplici, e questa zuppa ne è un esempio perfetto.

La ricetta non è per nulla complessa, ma con solo un coltellino in mano per preparare gli ingredienti prima di assemblarli e cucinarli, avrei potuto impiegare un tempo infinito.

E la cosa avrebbe irrimediabilmente smorzato l’entusiasmo del mio rinnovato estro culinario.
Tra le mie mani, però, invece di un semplice coltellino, avevo due strumenti Microplane® che hanno funzionato come due bacchette magiche:

Il Peeler Microplane®

Oltre alla bellezza delle linee di questi utensili, rimango sempre affascinata da quanto sia semplice utilizzare e poi pulire i prodotti di questo marchio.

Il Peeler scorreva rapido e preciso sulla buccia delle patate viola che ho utilizzato per addensare la zuppa.

La lama mobile in acciaio consente si seguire le forme dell’alimento da pelare senza doversi ingegnare, mentre il manico – ergonomico soft-touch – è stato pensato sia per persone destrorse che mancine.

Oltre che per le patate, uso spesso questo strumento per sbucciare rapidamente le mele alle bimbe, o un bel mango maturo per me.

Ovviamente è ideale anche per cetrioli, zucchine, asparagi, sedano, carote…

La Grattugia Zester Microplane®

La grattugia, con le sue piccole e ultra affilate lame foto-incise in acciaio inox, è stata indispensabile mentre ero alle prese con un ingrediente la cui gestione, spesso, mi è stata piuttosto ostica: la radice di zenzero.

Avete presente il rizoma?

Dalla forma arzigogolata, nodosa e con una buccia sottile come un velo, mi ha sempre reso complicata l’impresa di riuscire a ottenere rapidamente il suo succo torbido, fresco e piccantino.

Questa volta, con la mia Zester Gratugia Microplane® come alleata, ho impiegato due minuti per grattugiare senza sforzo la radice, senza nemmeno doverla sbucciare, in modo da poter semplicemente spremere la polpa tra due cucchiai sovrapposti.

Così come per il Peeler, anche la Zester Grattugia ha il manico ergonomico soft-touch.

La particolarità, e il grande pregio degli utensili Microplane®, deriva anche dal fatto che gli alimenti non vengono strappati o stracciati e, in questo modo, profumi e sapori vengono mantenuti integri fino all’assaggio.

Se anche voi adorate le zuppe colorate e nutrienti e siete curiosi di sapere come ho preparato la mia, vi lascio qui la ricetta:

ZUPPA DI BARBABIETOLA, CAPRINO e CHIPS DI CAVOLO NERO

Ingredienti per 4 persone:

  1. 300 g di barbabietole cotte a vapore (si trovano facilmente in commercio già pronte)
  2. 100 g di patate viola
  3. 200 g di caprino fresco
  4. 1 cipolla di tropea di media grandezza
  5. 1 cm di radice di zenzero fresca (o un po’ di più, se preferite una piccantezza più accentuata)
  6. 2 dl di acqua nella quale avrete lessato le patate
  7. 3 cucchiai di olio evo
  8. Sale q.b

Per guarnire e terminare il piatto:

  1. 50 g di caprino fresco
  2. Qualche foglia di cavolo nero
  3. 2 cucchiai di farina di riso
  4. Olio di arachidi per friggere q.b.

Procedimento:

Occupatevi, come prima cosa, del cavolo nero.
Lavatelo accuratamente, eliminate la venatura centrale (troppo coriacea) e tagliate le foglie in modo da ottenere una misura adatta a delle chips.
Tamponate le parti tagliate delle foglie con della carata da cucina, eliminando i residui di acqua che saranno rimasti nelle anse caratteristiche dell’ortaggio.
Adagiate le foglie spennellate con olio e sale sulla carta da forno e infornatele a 150° nel forno già caldo fino a quando alla vista appariranno croccanti, ma ancora verdi.

Per la zuppa:

Pelate le patate viola con il Pelapatate Professionale Peeler Microplane®, lavatele sotto un getto di acqua fredda e mettetele in una pentola con dell’acqua fredda.

Portare a bollore e lessate le patate per circa 20 minuti.

Saranno pronte quando i rebbi di una forchetta le attraverseranno senza che venga opposta resistenza.

Mentre le patate si cuociono in acqua, sbucciate le barbabietole e tagliatele a tocchetti.

Sbucciate la cipolla e tritatela grossolanamente.

Versate l’olio evo in una padella e rosolatevi la cipolla a fuoco medio.

Una volta che la cipolla sarà morbida e trasparente, unite la barbabietola.

Lasciate sul fuoco medio/basso, con coperchio, per una decina di minuti.

A questo punto versate cipolla e barbabietola in un frullatore.
Una volta lessate, aggiungete anche le patate e la dose indicata nella ricetta della loro acqua di cottura.

Potrebbe esserne necessaria un po’ di più o un po’ di meno, in base alla consistenza che desiderate, quindi regolatevi versandone un po’ alla volta.

Grattugiate lo zenzero con Zester Gratugia Microplane®, pressatelo tra due cucchiai sovrapposti e unite il succo del rizoma al resto degli ingredienti nel frullatore.

Frullate fino a quando la crema apparirà cremosa e omogenea e a questo punto aggiungete il vostro caprino, scegliendo voi sia la quantità che la colorazione che vorrete raggiungere (usandone di più il colore della barbabietola verrà smorzato).

Versate il contenuto del tumbler del frullatore in una pentola e coprite con un coperchio.

Fate scaldare, senza portare a bollore, per una decina di minuti.

Nel frattempo, in un piatto, schiacciate il restante caprino con i rebbi di una forchetta.
Aggiungete un filo di olio evo e mescolate fino a rendere il formaggio cremoso.

Versate la zuppa nei piatti, aggiungete un cucchiaio di crema di caprino e terminate con qualche chips di cavolo nero.

Post scritto in collaborazione con Microplane®

Potrebbe interessarti