Vivere Per Raccontarla

#Pilates con 360 Studio Milano

Il Pilates: il mio #pensieropulito per mente e corpo!

Il Pilates fa bene. Ve lo dico da mesi. Aiuta a stare meglio a 360°!

Ho sempre amato praticare attività fisica.
Mi è sempre piaciuto, eppure, ogni volta, ha vinto la pigrizia.
Iscrizione in palestra annuale, due mesi di frequentazione piuttosto assidua e poi stop. Ogni volta, ogni anno, lo stesso iter.

Non ero mai stata costante in nulla prima di scoprire il Pilates. Tutto mi annoiava, tutto diventava routine in men che non si dica. E soprattutto non riuscivo a entrare in sintonia con quello che facevo. Poi, a gennaio di quest’anno, il Pilates è stata una vera e propria rivelazione! Ho trovato una disciplina perfetta per me, mi sono appassionata, l’ho fatta mia e oggi non potrei più farne a meno.

Forse una delle cose che mi ha maggiormente entusiasmato di questo metodo è stato proprio il fatto che mi abbia costretta a rivedere completamente le mie convinzioni. Ed io, da sempre, adoro ricredermi su cose, situazioni e persone. Ho come la percezione che, quando accade, io stia vivendo una sorta di “avanzamento” evolutivo.

I miei preconcetti (sbagliati) sul Pilates

Prima di iniziare a praticarlo regolarmente ero piena di preconcetti: pensavo fosse una “ginnastica” per anziane signore, credevo che fosse un passatempo, una disciplina utile solo per migliorare la postura e, diciamolo, credevo fosse anche piuttosto noioso e troppo rilassato per una persona iperattiva come me.

Tutto questo fino alla prima lezione.
Sono passati 4 mesi da allora. Tondi tondi.
E, lo giuro, oggi non saprei farne più a meno.

Una disciplina positiva

Prima di tutto non potrei che considerarla una disciplina “positiva” dal momento in cui è stata la prima e la sola attività che ho intrapreso, amato e scelto di continuare a praticare.

E poi fare Pilates non solo fa sentire immediatamente bene, in pace con se stessi, ma, mentre lo si fa, si ha come la sensazione di trovarsi lungo una strada in salita, durissima, lastricata di ostacoli, infinita. Detto così suona come qualcosa di negativo, ma non lo è affatto, anzi!
La tensione verso l’alto, verso un miglioramento continuo, la sensazione che i nostri muscoli ed il nostro corpo siano perennemente sotto sforzo, in grado di raggiungere, lezione dopo lezione, miglioramenti incredibili, è quella che io chiamo una “sfida positiva”. Un pensiero assolutamente positivo e pulito!

Altra cosa magica per una come me, sempre in movimento, sempre sotto stress, è il fatto di essere riuscita a ritagliarmi due ore alla settimana tutte per me. Il Pilates non permette, come in palestra per esempio, di fare esercizi con il cellulare perennemente in mano.

Il Pilates libera la mente

Quando si pratica questa disciplina, infatti, il cellulare si dimentica. E con lui mail, appuntamenti, tensioni, progetti e pensieri.
Due ore completamente anti-stress tutte per me!

Una vera conquista. Un momento solo mio che mi permette di staccare la mente e di concentrarmi solo su me stessa, ascoltando il mio corpo ma anche i miei bisogni, quei bisogni che spesso, troppo spesso, finiamo con ignorare e lasciamo soli in un angolo del nostro cuore.

Credetemi, per me concedermi una pausa è qualcosa di piuttosto insolito.

Non sono mai stata capace di farlo con me stessa. Sono elastica e tollerante con il mondo intero, ma non con me stessa, a cui chiedo sempre il massimo. Se prendo un impegno lo porto a termine, se prometto qualcosa ancora di più. E se ho preso impegni, lavorativi o personali, con qualcuno, sono il tipo che li rispetta, anche con la polmonite, 40 di febbre e una notte insonne alle spalle.

Non so dire di “no”, per quanto da molti anni mi stia impegnando per imparare a farlo e abbia scoperto quanto possa fare bene a me e agli altri, un “no” di tanto in tanto.

Il Pilates ci aiuta a prenderci cura di noi stessi

Il Pilates mi sta aiutando molto anche in questo senso.

Mi ha insegnato quanto sia fondamentale, per stare bene con me stessa, saper chiudere qualche porta. Non sempre, solo quando serve.
Mi ha insegnato che per produrre pensieri puliti devo prima di tutto essere felice e sentirmi in armonia.

W le energie positive

Mi ha dimostrato che le energie positive sono tutto e che le endorfine sono fondamentali per sorridere alla vita e far sorridere anche gli altri. E poi ho scoperto che le cose più belle richiedono tempo, la cosa importante è tenere la mente in equilibrio e restare sempre sintonizzati e predisposti a riceverle.

Il Pilates mi ha anche insegnato a concentrarmi sugli obiettivi, a non spaventarmi quando le cose da fare sembrano tante, troppe, e irrisolvibili.

Mi ha insegnato a chiudere gli occhi, pensare pulito, respirare profondamente e a vedere ogni singolo problema come una possibilità e come qualcosa di risolvibile.

 
Questo post è stato scritto per il progetto Folletto #pensapulito, per promuovere nella vita di tutti i giorni e nei rapporti tra le persone un comportamento corretto, etico, solidale, nel rispetto verso il prossimo e verso l’ambiente. Un modo di pensare pulito, che ci aiuti ad avere un mondo più simile a quello che vorremmo e a trasmettere questa esigenza anche ai nostri figli e alle nuove generazioni. 

Clicca sui titoli che seguono per leggere i miei post precedenti sul #pensieropulito!

I believe in pink 

La festa del papà 365 giorni l’anno!

Consigli di viaggio: valigia semivuota, mente aperta e pensiero pulito!

Francesca Guatteri

L'autore

Francesca Guatteri